Home
Castelmagno
Cultura
Eventi
Siti amici



Viol: Caouri - Rocha Lingera - Champdarfei - La Crous

Sentiero:
Cauri - Rocca Lingera - Campofei - Croce

TEMPO DI PERCORRENZA: ore 6,30
DISLIVELLO:   1000 mt.




Estratto da Cartina Fraternali n. 14. Valle Grana e Bassa Valle Stura di Demonte

Il percorso ha inizio presso il paravalnghe di Cauri, sulla strada provinciale Pradleves-Campomolino-Santuario di Castelmagno. *palina*
A destra dello stesso si stacca un sentiero che prende subito quota e in circa 25 minuti raggiunge la sella "Lou Capitani" (mt. 1080). *palina*
AI bivio si prosegue tenendosi a destra (il ramo di sinistra verrà utilizzato per il ritorno).
Il sentiero con strette serpentine nel bosco ricco di cespugli di bosso e faggi passa nei pressi di un primo pilone decorato con cuori in rilievo.
Superato il pilone si incontra la prima borgata di Caouri (Ruà Soutana) poi un secondo pilone e si arriva alla seconda borgata (Ruà lou Casèi, mt. 1327) con una chiesetta dedicata alla Ss Trinità ricca di decorazioni pittoriche a vivaci colori nel suo interno che purtroppo sta inesorabilmente crollando di anno in anno. *palina*
La terza borgata (Ruà Ilai d'lai) si trova a pochi passi sulla sinistra della chiesetta.



I Pian soprani mt. 1645

I Pian sottani mt. 1600


Lasciata la diramazione di destra, che conduce a Chalancha di Pradleves, si continua a salire verso nord per un ripido sentiero che, dopo aver attraversato uno stupendo faggeto si immette in una zona erbosa denominata
I Pian sottani (mt. 1600) *palina* in prossimità del rio Caouri.

A questo punto si hanno due possibilità per raggiungere la borgata Campofei:


Tracciato 1 (EE) - Si segue la traccia di sentiero che a sinistra e in leggera discesa va ad attraversare il ruscello per poi risalire tra i contrafforti rocciosi di Rocha Lingera con paesaggi spettacolari fra strette cenge erbose, punto di riferimento per la salita è un vistoso sperone roccioso che ricorda un profilo femminile detto "Bars de Porto Quiaou".

Arrivati alla sella del "Bars", lasciamo alla nostra sinistra lo scosceso e scivoloso vallone "Gourjoun di Courdei", per svoltare a destra e passare alla base di un grosso sperone roccioso. Superati un paio di tornantini giungiamo al termine della ripida salita (mt. 1710). *palina*




Tracciato 2
- Come da indicazioni, si prosegue diritto salendo in direzione Colle Arpet, fino a raggiungere I Pian superiori quota 1645. *palina*
Si svolta sinistra, dopo circa una decina di minuti si attraversa il Rio Cauri, qui il sentiero compie due tornanti e raggiunge un caratteristico torrione (1745). Proseguendo in leggera discesa, il percorso passa alla base di Rocca Lingera e si ricongiunge al tracciato 1. (mt. 1710). *palina*

Qui il sentiero torna su un unico tracciato e in leggera discesa passa alla base di una parete rocciosa solcata da una spettacolare cascatella presente esclusivamente nei periodi più piovosi.





Dopo aver superato alcuni costoni intervallati da piccoli valloncelli si arriva sulla dorsale "La Costa" (1.600 mt.) la quale fa da spartiacque ad un'ampia zona terrazzata adibita in tempi passati alla coltivazione dei cereali. *palina*
In questo luogo, nel 1991, sono state rinvenute delle splendide incisioni rupestri:
si tratta di sei figure antropomorfiche incise su due massi risalenti all' età del bronzo.


Dal colle si ha un'ampia veduta sul vallone con Campofei, Valliera, Batuira, Rocca La Bercia, il Colletto e su Foresti, i Cimou, Rocca Cucuia sull'altro versante della valle.
Da qui, si procede ora in discesa su di un sentiero bordato da robusti muri di pietra murata a secco ed in circa 15 minuti si raggiunge la prima borgata di Campofei denominata Granges.

Campofei è composta da tre agglomerati di case: Granges, Champdarfei e Albrè.


Champdarfei - Campofei

La chiesetta di Champdarfei

Superata in discesa la chiesetta di San Giacomo, in pochi minuti si arriva ad un bivio: *palina* proseguendo diritto ci si avvia verso la fraz. Colletto, invece svoltando a sinistra si passa nei pressi delle case dell'Albrè, circondate da una fitta vegetazione e oramai in rovina, da lì si raggiunge la sottostante borgata Croce. *palina*
A valle della borgata si svolta a sinistra e, superato un pilone votivo, ci si incammina verso il fondovalle.
Raggiunta un altra diramazione a circa dieci minuti di cammino, *palina* ci si tiene verso sinistra su un tratto di sentiero pianeggiante caratterizzato da leggeri sali-scendi che attraversano un bosco di bossi.

(Il ramo di destra invece raggiunge in circa 10 minuti la strada provinciale in località Pont d'la Crous *palina*


La Sella del Capitani

Lou Pont d'la Crous

Dal percorso, posto su alti dirupi a precipizio sulla stretta gola del torrente Grana, si gode un panorama aspro e superbo, sino ad attraversare nuovamente il rio Caouri.
Da questo momento il tracciato riprende a salire e si arriva ancora una volta alla sella denominata "Lou Capitani".
*palina* Ritornati sul sentiero percorso poco dopo la partenza, mantenendosi a destra, si scende in poco tempo al paravalanghe sulla provinciale.



Lou Capitani


Grazie, grazie, e ancora grazie a questi personaggi
per aver reso nuovamente percorribile questo sentiero...




La squadra Operai Forestali della Regione Piemonte sezione Valle Grana
















Immagini di: Laura Carenini - Cesare Ferro - Dario Donadio - Ezio Donadio



 Per contattarci:  castelmagno.oc@gmail.com