Home
Castelmagno
Cultura
Eventi
Siti amici



Vir a anel: Quiap - Viribianc - Viridiou - Quiap

Percorso ad anello:
Chiappi - Viribianc - Viridio - Chiappi

TEMPO DI PERCORRENZA:
Anello corto ore 5-5,20 - dislivello mt. 980 circa
Anello lungo ore 6,10 -6,30 - dislivello mt. 1200 circa


Chi volesse, intanto che è lì, salire anche su Punta Parvo - Parvetto e Rocca Parvo
deve calcolare ore 1\1,15 circa in più.



Monte Viridio

L'impegnativo itinerario ha inizio presso la parte bassa della frazione Chiappi, dove si lascia l'auto nelle adiacenze del Centro Fondo Gravieres. *palina*
S'imbocca la strada sterrata a monte del caseggiato del Centro Fondo che passa davanti ad un pilone e in leggera discesa attraversa il torrente Grana sul ponte dei Moulin, mt 1610. *palina*
Si prende quindi la pista forestale che con ampi tornanti termina alle Baite Quioutas a mt 1850 (ore 0.40): circa 200 mt. prima della baita dei pastori si abbandona la sterrata per seguire una traccia di sentiero che si stacca sulla destra. *palina*
Il sentiero risale in pochi minuti una conca erbosa e con inversione ad "U", verso sinistra, raggiunge una spalletta sotto la quale s'intravede la baita appena superata (questi pendii presentano in primavera una spettacolare fioritura di primule, orchidee, anemoni e genziane, in colorate aiuole tra cespugli di rossi rododendri).

La salita si fa ora più ripida, fino a raggiungere una panoramica dorsale e dopo aver compiuto un ampio semicerchio, il sentiero attraversa il rio Font Vachil e raggiunge un ripiano erboso. Il sentiero prosegue la salita tra cespugli di ontani e rododendri e con una lunga diagonale taglia a mezza costa un valloncello pietroso che porta al colle Viribianc (est) mt. 2187 (ore 2 da Chiappi) *palina*


   Lou Crest d'i Mulets e il roccioso Viribianc

             Il Colle Viribianc visto dai Quioutas

Raggiunto il colle si svolta a destra (ovest) per salire con facile arrampicata la ripida cresta chiamata Crést di Mulets a mt 2411. *palina* Da qui il panorama si amplia sul vicino versante Grana e sulle più lontane cime della Valle Stura in rapida successione.
Seguendo sempre il sentiero, dal Crést d'i Mulets si scende all'omonimo colle a mt. 2312 (Viribianc ovest) *palina*
Sempre in cresta si continua per breve tratto, per poi spostarsi ancora a destra sul versante di Castelmagno.
Si passa alla base di un bricco roccioso e si raggiunge una spalla erbosa.

La salita, ora più ripida e con numerosi tornantini, raggiunge la Cima Viribianc *palina* (ore 3,20 da Chiappi).
Dalla cima, mantenendo la direzione ovest, si scende velocemente al Colle Viridio mt 2390.


Passo Viridio

A questo punto si presentano due possibilità per ritornare a Chiappi:

- Anello corto - Si scende a destra *palina* su deboli tracce di sentiero inizialmente pietroso e in seguito alternato da tratti arbosi, si giunge alla base di una conca sormontata da grandi massi, a questo punto la si percorre interamente tenendo la destra (mt.2185).
Si tralascia la traccia di sentiero che porta al grande pianoro sottostante detto "Lou Pian d'Enchastres", qui, svoltando decisamente a destra, il tracciato ci condurrà in leggera salita ad un piccolo valico. (mt. 2200)


Lou Pian d'Enchastres

Proseguendo sulla destra si discende al "Pian d'i Nisét" soprano. Giunti in corrispondenza di un grande masso, su cui spicca una grande tacca bianco\rossa, si svolta a sinistra e si giunge al "Pian Nisét" sottano.
Proseguendo, dopo una lunga diagonale, si arriva ad un piccolo colle, dopo averlo superato, tenendo la sinistra, in circa quindici minuti si giunge ad un pianoro denominato "Pian des Soumetes".

Al termine di esso, si imbocca il sentiero che in poco tempo raggiunge una stradina sterrata. *palina*
Tenendo la sinistra e dopo aver superato il Torrente Grana su di un ponte in cemento, (Grange Gustin mt.1710)
in circa 20 minuti ritorna a Chiappi.
E' anche possibile raggiungere la borgata seguendo un sentierino pianeggiante che si stacca sulla destra a circa 50 mt. prima del ponte.


Lou Pian d'i Nisét superiore

- Anello lungo - Dal Colle Viridio si continua la salita sul crinale molto pietroso ed in circa 20 minuti si arriva sul Monte Viridio,mt 2498, *palina* (meta classica di gite scialpinistiche) ore 4\4.15 dalla partenza.

Inizierà ora la discesa che, per un lungo tratto, segue ancora il crinale Grana\Stura, attraversa un pianoro erboso e con una lunga diagonale passa prima alla base della Punta Parvo mt 2523 e dopo alla Punta Parvetto mt 2486, per poi giungere al Colle del Nais mt 2420. *palina*



Panorama da Cima Fauniera


Punta Parvo

Vista sul Parvetto scendendo dal Colle del Nais

Si lascia il sentiero di sinistra che scende al Pianoro del Nais e si svolta a destra. Atterverso una serie di stretti ma facili tornanti, (da percorrere comunque con cautela soprattutto su terreno bagnato) si perde velocemente quota e si raggiunge il Colletto del Parvo *palina* (bivio per la salita alla Rocca Parvo mt 2394, appagante meta da prendere eventualmente in considerazione per una prossima gita più breve).
La discesa continua ora in un vallone erboso, passa nelle vicinanze di una cava di quarzite abbandonata attraversa un pianoro erboso per giungere al ponte Fournirolo (Grange Parvo). *palina*

Si segue ora in discesa a destra per circa 300 metri la strada asfaltata fino al tornante (loc. Langra) *palina* in questo luogo in primavera si può ammirare una spettacolare fioritura di anemoni.
Da qui per ritornare a Chiappi, si può o percorrere la strada asfaltata (1 ora circa), oppure imboccare il sentiero a destra che, mantenendo sempre la destra orografica sia del Rio Langra che del torrente Grana, in circa 50 minuti ci porterà al Ponte dei Moulin di Chiappi, punto di partenza dell'anello Viribianc.




Clicca sull'immagine per ingrandirla



Vista su: (partendo da sinistra) Monte Borel, Crest di Moulets, Cima Viribianc e Monte Viridio



Immagini di:  Cesare Ferro - Dario Donadio - Ezio Donadio





 Per contattarci:  castelmagno.oc@gmail.com